Introduzione alle Isole Canarie

introduzione canarie

Le Isole Canarie sono un arcipelago di 7 isole appartenenti politicamente alla Spagna, ma geograficamente si trovano in Africa. Molti le confondono con le Baleari, molti altri non saprebbero indicarle sull’atlante o su una cartina. Ma guardate l’Africa, tenete d’occhio il deserto del Sahara, continuate ad est fino all’Oceano Atlantico, e lì in balia delle onde troverete le Canarie.

Il clima alle isole Canarie:

Sette isole, una diversa dall’altra, una più bella dell’altra. Troverete di tutto: deserti, picchi innevati, flora e fauna tropicale, vulcani, roccia, calette, bianchissime spiagge chilometriche, acqua cristallina. Il tutto in un clima da sogno. Si perchè sulle Canarie spirano costantemente gli Alisei, venti provenienti da nord che garantiscono alle isole temperature miti tutto l’anno. Si dice che le Canarie siano le isole dell’eterna primavera, perchè la temperatura resta praticamente costante, dai 18-20 gradi di dicembre fino ai 27-28 gradi dell’estate. Sono mete turistiche per tutto l’anno, non c’è bassa o alta stagione, non fa mai freddo e non fa mai caldo: è possibile stare in spiaggia a Natale come a Ferragosto, soffia un vento costante ma in ogni caso dovete tenere presente che, nonostante infatti i potenziali giorni di mare alle Canarie siano 365, durante ognuno di essi fare il bagno non sarà semplice: ricordatevi che siete in mezzo all’oceano, anche nel giorno più caldo dell’anno la temperatura dell’acqua non supererà mai i 23-24 gradi, decisamente meno rispetto a quanto siamo abituati nel Mediterraneo. Niente di traumatico comunque, le spiagge delle Canarie vedono ogni giorno decine di migliaia di persone in acqua a fare il bagno, una volta passata la sensazione di freddo iniziale vi troverete immersi in un mare bellissimo.

Conformazione geografica:

Le Canarie, dicevamo. Delle 7 isole che compongono l’arcipelago, 4 di esse sono ad altissima vocazione turistica: sono Lanzarote, Fuerteventura, Gran Canaria e Tenerife. I loro nomi si trovano praticamente su ogni home page di agenzia viaggio online, su ogni depliant turistico. Le altre tre isole sono invece pressochè sconosciute al turismo di massa. Sono le tre più occidentali dell’arcipelago (per intendersi, quelle più vicine all’America), e sono La Gomera, La Palma e El Hierro. Sono decisamente più piccole e apparentemente meno attraenti, ma la loro bellezza sta nella natura, nei panorami e nella loro estraneità dal resto del mondo.

Accorgimenti di viaggio:

Alcune informazioni per un viaggio alle Canarie: l’eterna primavera si trova a sole 4 ore di volo dall’Italia, potete volare a Gran Canaria, Tenerife, Lanzarote e Fuerteventura con voli diretti, una volta giunti a destinazione parlerete spagnolo e pagherete con gli Euro. Si, siamo in Spagna, in Unione Europea, dunque potete raggiungere le Canarie con la sola carta d’identità e potrete rimanerci quanto vi pare, proprio come fanno decine di migliaia di Nordeuropei (tedeschi e norvegesi soprattutto), che scelgono di passare l’inverno in queste isole paradisiache per godere di sole e mare quando a casa loro il sole -quando si vede- tramonta nel primo pomeriggio.

Come ultima nota a margine, se non siete ancora convinti sappiate che alle Canarie la vita è incredibilmente economica: al di là del fatto che le spese per il riscaldamento si azzerano, l’arcipelago gode di agevolazioni fiscali tali per cui l’IVA viene mantenuta bassa, tanto per avere qualche metro di paragone la benzina costa 1 euro al litro, una cena al ristorante per 2 meno di 30 euro e un’auto a noleggio costa 20 euro al giorno anche in altissima stagione. Bastano come motivi per innamorarsi delle Canarie?